Chiara Benvenuti nuovo Capogruppo del M5S San Miniato

1524665_783871058293202_111344138_nIl Movimento 5 Stelle San Miniato, dopo aver preso atto della decisione del consigliere Alessandro Niccoli di abbandonare il gruppo consiliare “Movimento 5 Stelle” per andare a costituire un nuovo gruppo politico, decisione unilaterale resa nota, a sorpresa, durante l’ultimo Consiglio Comunale, desidera rendere pubblico il presente comunicato ritenuto doveroso nel rispetto di quei concittadini che in occasione delle ultime elezioni amministrative avevano espresso la volontà di essere politicamente rappresentati dal Movimento 5 Stelle.

Alla luce dei fatti, nonché di quanto dichiarato da Niccoli, è ragionevole ritenere che le motivazioni politiche che lo avevano spinto ad entrare un anno fa nel M5S erano chiaramente secondarie rispetto alle aspirazioni personali di una poltrona di sindaco e/o consigliere per le quali si era candidato, utilizzando strumentalmente il nostro simbolo. Come egli stesso ammette in premessa alla sua dichiarazione di uscita dal movimento, i principi politici del Movimento 5 Stelle rispecchiano solo in parte quelli propri, e Noi, purtroppo, ci sentiamo di confermarlo, rammaricandoci al contempo di non averlo intuito prima e di avergli accordato la nostra fiducia. Riteniamo altresì pretestuose le sue critiche al Movimento 5 Stelle e allo staff di Grillo, perché strumentalmente confuse con la politica locale che poco ha a che vedere con le dinamiche a livello nazionale del Movimento. In armonia con gli ideali del Movimento che ci onoriamo di rappresentare, non ci piacciono le persone che si nascondono dietro un dito preferendo addossare ad altri la responsabilità delle proprie scelte.

Gli attivisti del M5S, in questi mesi in cui il consigliere Niccoli ha espletato immeritatamente l’incarico di “capogruppo”, hanno avuto modo di appurare direttamente lo scarso impegno politico della persona, palesato nella mancanza totale di partecipazione alle iniziative del gruppo inerenti l’azione politica da intraprendere in Consiglio Comunale, non partecipando a numerosi “gruppi di lavoro” appositamente costituiti. A dimostrazione dell’incoerenza di Niccoli, nonché della sua estraneità al lavoro del Meetup, come non citare la sua votazione contraria alla nostra mozione sulla trasparenza negli atti di affidamento diretto e la votazione favorevole a  quella farsa del Partito Democratico sullo stesso argomento, presentata solo per giustificare la bocciatura della nostra proposta.

Ci fa sorridere che proprio Niccoli, nella sua dichiarazione, scriva di mancanza di democrazia all’interno del Movimento e di decisioni imposte dall’alto, quando egli stesso intendeva presentare mozioni in Consiglio, di esclusivo interesse personale, senza averle preventivamente esposte agli altri attivisti (evitando il confronto democratico all’interno di un dibattito). Nella filosofia del Movimento, i consiglieri eletti nella lista 5 Stelle sono dei portavoce dei cittadini che non devono cercare spazio per sé, ma solo per il gruppo, cosa che Niccoli non ha mai inteso fare, snaturandone profondamente il ruolo.

Come se non bastasse, il neo consigliere del “gruppo misto” aggiunge nella sua dichiarazione di “fuoriuscita” dal nostro gruppo consiliare, di condividere gli ideali di quei cittadini che non partecipano alla logica della politica come vantaggio. Bene, saremmo stati concordi se si fosse comportato coerentemente almeno in questo. Vale a dire se avesse rinunciato a “cambiar casacca” e avesse rassegnato le dimissioni dal mandato che gli elettori del Movimento 5 Stelle gli hanno conferito. Invece, rinnegando il simbolo con il quale ha scelto di essere rappresentato nelle passate elezioni amministrative e mantenendosi una poltrona che moralmente non gli appartiene (sebbene la legge glielo consenta), ha dimostrato di adattarsi perfettamente ai “giochini” della vecchia politica.

Per quanto precede, il Movimento 5 Stelle San Miniato, sebbene vede dimezzarsi la sua forza rappresentativa all’interno del Consiglio comunale, intende perseguire con lo stesso entusiasmo una dura ma leale opposizione per mezzo del suo unico ed autorevole portavoce, la nostra infaticabile cittadina-consigliere, Chiara Benvenuti.

Lascia un commento