Al via i rimborsi IMU grazie al M5S

11807715_10203199132138576_378552011734136771_oGrazie al MoVimento 5 Stelle i cittadini sanminiatesi adesso sanno che possono chiedere il rimborso della quota IMU erroneamente corrisposta al Comune sia nel 2014 che nel 2015, per i terreni non più edificabili. Questo è l’epilogo di una vera e propria battaglia che abbiamo portato avanti negli ultimi mesi in Consiglio Comunale. Ma facciamo un passo indietro: tutto era partito con la nostra mozione presentata al Consiglio del 29 Aprile con la quale impegnavamo il Sindaco a informare adeguatamente la cittadinanza sulle modifiche sostanziali derivanti dall’adozione del secondo Regolamento Urbanistico, modifiche che si riperquotevano inevitabilmente sul pagamento IMU che, per molti cittadini, possessori di terreni edificabili o presunti tali,  oltre a non essere più dovuto nel 2015 non lo era nemmeno nel 2014. Come andò a finire? Il Partito Democratico bocciò la nostra mozione arroccandosi su motivazioni che non avevano alcuna corrispondenza con la realtà.

 

Convinti delle nostre ragioni abbiamo quindi deciso di chiedere un parere legale sulla questione all’Avv. Luca Scarselli di Santa Croce sull’Arno. Parere che ci è stato consegnato qualche giorno prima della scadenza della prima rata IMU del 16 giugno. Come volevasi dimostrare avevamo ragione su tutta la linea, d’altra parte dove non arriva la politica arrivano i legali. Alla luce di quanto scritto sull’atto ufficiale, il 4 luglio abbiamo dunque deciso di protocollare interpellanza direttamente al Sindaco e alla Giunta la cui risposta è arrivata pochi giorni fa, al Consiglio del 29 luglio.

Tralasciando volutamente il commento di alcune affermazioni di tale risposta, in quanto materia sicura di future discussioni,  due sono i passaggi che ci preme sottolineare e vorremmo porre all’attenzione della cittadinanza tutta affinché, chi ritiene di aver pagato ingiustamente, provveda quanto prima a chiedere il rimborso.

Con l’adozione del nuovo RU avvenuta il 31/03/2014 ed efficace dal 28/05/2014, (data di pubblicazione sul BURT), alcune particelle di terreno in area di completamento, che nel 1° RU erano edificabili, sono diventate non edificabili.

I contribuenti che hanno versato l’IMU su terreni divenuti inedificabili a seguito della pubblicazione sul BURT dell’adozione del RU e che non hanno presentato osservazioni per il reinserimento dell’area tra quelle edificabili, possono presentare istanza di rimborso, per eventuali versamenti effettuati a saldo di quanto dovuto, a decorrere dall’1.06.2014.

La risposta alla nostra interpellanza mette la parola fine a una vera e propria ingiustizia protratta alla chetichella dalla nostra amministrazione ma che, grazie alla nostra perseveranza, è emersa nel dibattito pubblico. Tutto questo nonostante il gruppo consiliare del Partito Democratico abbia fatto il possibile per cercare di nascondere la cosa, la bocciatura della mozione grida ancora vendetta.

Lascia un commento